Perché i carboidrati dopo l'allenamento sono così importanti?

In pratica l'unico, ma importantissimo, momento per assumere dei carboidrati semplici è entro 15 minuti dalla fine dell'attività fisica.

20.04.2015

Perché è così importante assumere dei carboidrati dopo il workout?

I carboidrati semplici dopo l'allenamento hanno principalmente la funzione di ripristinare le riserve di glicogeno e di creare un ambiente cellulare anabolico che stimoli la sintesi proteica.

I carboidrati semplici aumentano velocemente la glicemia, ovvero la quantità di zuccheri nel sangue, e stimolano una risposta che fa aumentare i livelli dell'ormone anabolico insulina. La funzione di questo ormone è quella di comunicare alle cellule di sequestrare gli zuccheri dal sangue e di farlo entrare all'interno del citoplasma cellulare. Sotto l'influenza dell'insulina le cellule si attivano metabolicamente e aumentano anche l'assorbimento degli aminoacidi.

I carboidrati presi dopo l'allenamento sono parte delle strategie da mettere in atto per favorire e velocizzare il processo di recupero che è ciò che permette alle prestazioni e alla massa muscolare di aumentare nel tempo, allenamento dopo allenamento.

Durante l'attività fisica ad alta intensità i muscoli usano principalmente glucosio (che è facilmente trasformabile in energia) e glicogeno (una forma immagazzinata di glucosio). Appena questi due substrati raggiungono livelli bassi, l'esercizio ad alta intensità non può essere sostenuto e subentra la stanchezza poiché l'energia disponibile per l'attività muscolare è insufficiente. Da questo momento il nostro corpo inizia a rilasciare l'ormone catabolico cortisolo, prodotto anche durante le situazioni di stress, che distrugge le proteine muscolari per ricavarne aminoacidi e ottenere poi da questi energia. Questo si traduce in perdita di massa muscolare.
I frullati dopo-allenamento inducono un rilascio di insulina che contrasta gli effetti del cortisolo poiché ha effetti anabolici e stimola la sintesi proteica. La miglior scelta in questo momento sono le proteine del siero, vengono infatti assorbite molto velocemente. Questo processo, come abbiamo visto, ha bisogno di carboidrati con un alto indice glicemico (maggiore di 70). L'indice glicemico misura la velocità con cui un alimento aumenta i livelli di zucchero nel sangue. Se durante la giornata i carboidrati migliori sono quelli a basso indice glicemico, per non avere sbalzi della glicemia e per non accumulare grasso, dopo l'allenamento è basilare avere un forte rilascio insulinico per facilitare crescita e miglioramento delle prestazioni e quindi e meglio scegliere carboidrati con indice glicemico alto!

In che quantità bisogna assumerne?

La quantità di carboidrati richiesta per ripristinare le riserve di glicogeno è di circa 0.5-1 g/chilo di peso corporeo, ovvero tra 40-80 g per una persona di 80 kg. Questa quota è da mischiare alla giusta quantità di proteine cioè circa 0.5 g/chilo di peso corporeo. Per fare un esempio pratico un dosaggio corretto potrebbe essere 20-30 g di carboidrati e 25-30 g di proteine.

/sites/biotechusade/documents/news/_extra/4/o_iStock_000018937655_Double_20141125144232.jpg

Perché usare Carbox?

Carbox è pratico perché il suo formato in polvere vi da la possibilità di aggiungere al vostro shake la giusta quantità che avete calcolato per le vostre esigenze e di unirlo alle vostre proteine preferite.

Carbox contiene 5 differenti forme di carboidrati: destrosio, maltodestrine, ribosio, fruttosio e Palatinosio. Ognuno di questi zuccheri ha un importante ruolo in un frullato dopo-allenamento, ma tutti insieme lavorano sinergicamente per assicurare un rifornimento ai muscoli il più velocemente ed efficacemente possibile. Sentirete i muscoli rotondi e pieni e oltre a questo piacevole effetto saprete che il prodotto sta funzionando.

Che carboidrati contiene Carbox?

1. Destrosio, detto anche glucosio. E' uno degli zuccheri comuni normalmente usati nei frullati dopo-allenamento, è una soluzione con un alto rapporto qualità prezzo.

2. Maltodestrine, sono carboidrati complessi che sono generalmente derivati dal riso o dall'amido di patata, hanno una catena più corta di quella di altri carboidrati complessi. In maniera simile al destrosio aumentano il livello di insulina ma più lentamente e vengono quindi assorbiti in tempi più lunghi.

3. Fruttosio, anche chiamato zucchero della frutta. Ha un indice glicemico abbastanza basso e viene quindi digerito più lentamente e stimola poco l'insulina. Per questa ragione rende disponibili carboidrati al corpo per tempi lunghi.

4. Ribosio, è uno zucchero direttamente coinvolto nella produzione di energia e di ATP. L'unità fondamentale per il trasporto dell'energia all'interno del nostro corpo è la molecola dell'ATP, e il ribosio ne fa parte. L'allenamento ad alta intensità è molto stressante per il nostro corpo e per poterlo affrontare nuovamente bisogna avere completamente recuperato dalla sessione precedente. Il ribosio ha un ruolo molto importante nel processo di recupero e contribuisce ad accelerarlo.

5. Palatinosio è il carboidrato più moderno arrivato sul mercato, è un disaccaride e viene digerito molto lentamente, assicurando così un erogazione dell'energia per tempi lunghi. Inoltre contribuisce a velocizzare i tempi di assorbimento della creatina.

Fai il pieno di carboidrati con Carbox! La versione non aromatizzata è ottima unita alle proteine Nitro Pure Whey o Iso Whey Zero e la versione aromatizzata è perfetta per una bevanda post-workout. Inoltre è senza aspartame.


Cosa miglioreresti in questo articolo?




Il contenuto potrebbe essere...





Cancellare

Ti è piaciuto l´articolo?