Prova costume: obiettivo pancia piatta!

Ci siamo, la prova costume è dietro l’angolo e forse è anche un po’ troppo tardi per pensare di eliminare qualche rotolino di troppo dalla pancia, ma provarci non costa nulla e allora ecco qualche consiglio.

14.05.2017

Ormai ci siamo, la prova costume è alle porte e il corpo necessita di essere al top della forma. Non c’è più moltissimo tempo, ma qualcosa si può ancora fare e allora cercherò di darvi qualche consiglio soprattutto per presentarvi in spiaggia con la pancia piatta.

Sicuramente il primo punto da tenere in considerazione per ridurre qualche rotolino di troppo è l’alimentazione, in questo momento e a così’ poco tempo dall’estate non basta l’allenamento. Non è necessaria una dieta drastica ma regolarità ed equilibrio senza esagerare con dolci o cibi troppo calorici.

Se in inverno ci siamo un po’ lasciati andare con tutti quei buonissimi cibi tipici della domenica, ora è arrivato il momento di lavorare per avere una pancia piatta. É importante prima di tutto sapere che la pancia può essere dovuta a due fattori: un accumulo di grasso e un gonfiore.

Sul primo non si può che agire con una particolare dieta e con l’esercizio fisico che integri corsa ed esercizi di tonificazione o con allenamenti ad alta intensità che coinvolgano tutto il corpo e con esercizi che lavorino sui muscoli in profondità. Sul secondo tipo si può agire modificando il regime alimentare.

Di seguito alcune linee guida per evitare il gonfiore:

  • Bere tanta acqua: idrata depurandovi dalle tossine, è l’arma migliore contro la cellulite ed è utilissima per sgonfiare la pancia.
  • NON bere bibite gassate, zuccherate e alcoliche. Se avete sete e non ne potete più di bere acqua, provate i centrifugati.
  • Bere tisane specifiche per sgonfiare la pancia.
  • Evitare cibi grassi e fritti e attenzione anche a tutti i cibi lievitati ( pane e pizza), preferire pasta e pizza senza glutine come grano saraceno, mais e riso. Tra le verdure evitare legumi e patate che tendono a favorire i gonfiori della pancia.
  • Cibi da mangiare: fibre, questa è la parola magica per una pancia piatta. Abbinati a tanta acqua, depureranno l’organismo. Per condire limitare l’utilizzo di sale, usare piuttosto aceto e spezie.

GRASSO. In questo caso invece conta molto l’esercizio e come vi dicevo l’allenamento migliore è quello che unisce dimagrimento e tonificazione. Va benissimo la corsa seguita da lavori più ad alta intensità come circuiti di esercizi che si concentrano su tutto il corpo e che in primis richiamino l’intervento del core e degli addominali.  È il caso di lavori in isometria (es. il plank e quindi esercizi dove si sta fermi in una posizione per un tempo definito) oppure l’allenamento funzionale che associa lavoro aerobico a tonificazione.

Quello che caratterizza questo tipo di disciplina sono le poche pause, con esercizi ripetuti per un numero di volte o quantità di tempo predefinita. Normalmente viene svolto a corpo libero, ma allo scopo di coinvolgere anche muscoli stabilizzatori più piccoli o situati più in profondità, sono utilizzati vari strumenti come le palle mediche, il kettbell, le pedane propriocettive e il TRX. Si va a lavorare non sul singolo muscolo come nel body building ma sulla globalità della massa muscolare con un risultato eccellente.

Il bello di questa attività è che richiede poco tempo, per un circuito di esercizi vi basteranno anche 20 minuti (almeno 5 volte alla settimana) e può essere svolta dove volete in casa, al parco come in spiaggia. In questo modo oltre a perdere peso andremo a tonificare la parte addominale e quindi ad avere un addome tonico.

Avere degli addominali scolpiti, oltre a regalare una pancia piatta per superare la prova costume, aiuta il runner. Il fulcro della corsa è infatti dato dal baricentro, e quindi anche dagli addominali. Durante la corsa permettono una buona stabilità, un controllo maggiore della postura una maggiore reazione per allenamenti brevi e intensi permettendo di correre più forte ed evitare infortuni.

In bocca al lupo.

---------

Per consigli e suggerimenti, seguitemi sui miei canali web e social:

Karen Pozzi

Sito web FacebookInstagramTwitter


Cosa miglioreresti in questo articolo?




Il contenuto potrebbe essere...





Cancellare

Ti è piaciuto l´articolo?